Come Fabrizi con Totò: TARTASSATI

IN QUESTI MESI COSI’ DURI, A PARTE I CITTADINI, CHI HA RINUNCIATO A QUALCOSA? 

Progetto1_Layout 1

Il Covid, l’emergenza, il loockdown, i morti, le situazioni incresciose di questi ultimi quattro mesi e mezzo, la crescita del disagio delle famiglie italiane, avevano fatto pensare che il Governo, autore di decine e decine di decreti, avrebbe soprasseduto, almeno per un periodo, a riscuotere dalle tasche degli italiani.

In realtà, si pensava che anche i Comuni avessero a cuore le sorti dei propri cittadini, e anche loro potessero mostrare buon cuore, rinunciando, almeno per un periodo, all’imposta sulla casa e alla tassa sui rifiuti.

Come siamo stati stolti a pensarlo e ad avere fiducia. Non è successo nulla di quanto avevamo sperato. Solo l’agenzia delle entrate pare abbia sospeso gli interessi di mora sulle cartelle esattoriali e il loro invio. Ma da questi giorni ha ripreso a generare cartelle con più lena di prima.

Stato e Enti periferici, invece, hanno mostrato il solito pelo sul cuore che li contraddistingue.

In questi mesi così duri, che hanno lasciato strascichi economici alle famiglia, che rischiano di inseguire i debiti chissà ancora per quanto tempo, nessuno ha rinunciato alle gabelle da ritirarsi dagli stipendi dei lavoratori (IRPEF, IRES, IRAP), nessuna azienda ha rinunciato alla spedizione delle bollette o almeno al loro abbassamento, anche se ad Artena manca spesso la corrente (via Fleming quasi tutti i giorni) e l’acqua sgorga dai rubinetti con un bel colore che è marrone. Nessun Comune ha rinunciato all’IMU (prima rata), scaduta  regolarmente il 16 giugno, e nessun Comune ha rinunciato a spedire la TARI anno 2020 ai contribuenti (ad Artena sta arrivando in questi giorni).

E’ sconvolgente questo rapporto tra Cittadini e governi, dove i primi pagano, sempre e comunque (in tempi normali è giusto che sia così perché le tasse assicurano i servizi), e i secondi chiacchierano: parole inutili, promesse false e odio che cresce nei loro confronti. La Ragion di stato (o di comune), anche quando questa crea nefandezze, viene sempre prima di ogni altra decisione. Le nefandezze, però, restano e sono sempre contro i cittadini.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
search previous next tag category expand menu location phone mail time cart zoom edit close