Artena è casa mea: A scuola senza Zaino

BELLO IL PROGETTO DELL’ASSOCIAZIONE ARTENA E’ CASA MEA, CHE INTENDE ACQUISTARE, CON L’AIUTO DI TUTTI, ARMADIETTI DA SISTEMARE ALL’INTERNO DELLE SCUOLE DEL TERRITORIO. LE ISTITUZIONI DICONO SI?

41556898_293103654626543_2484151153487511552_n

L’Associazione Artena è casa mea, e voglio viverla a colori, sta cercando di allestire un progetto ambizioso e di notevole valenza sociale. Il progetto si chiama Scuola senza zaino, e prevede che per i prossimi anni scolastici i nostri ragazzi delle scuole di Artena possano andare nelle aule senza il carico di libri che, a volte, li costringe a veri e propri tour de force.

E’ un progetto – ci ha detto Cesarino Bianchi, che è il presidente dell’associazione – che oltre a coinvolgere i bambini e i ragazzi di Artena, coinvolgerà anche le istituzioni Scuola e Pubblica Amministrazione. Almeno ci proviamo a coinvolgerle. Nel frattempo si sono dette interessate al programma e lo hanno definito come perseguibile”.

L’associazione acquisterà una serie notevole di armadietti da sistemare all’interno dei locali scolastici del territorio, ognuno per ragazzo frequentante, all’interno dei quali potranno essere depositati libri e quaderni.

Attraverso il tesseramento 2020 all’associazione (costo 10 euro ma anche donazione libera – ndr) acquisteremo gli armadietti, ma c’è la possibilità di donare un contributo anche attraverso il 5xmille o tramite il nostro IBAN”.

L’opera meritoria dell’associazione, che non è nuova a certe situazioni di coinvolgimento sociale, deve essere seguita certamente da Scuola e Amministrazione Comunale, perché rappresenterebbe un valore aggiunto per l’intera comunità.

Bambini e ragazzi vanno a scuola con uno zaino simile a quello usato dai viaggiatori, dovendo portare a scuola e riportare a casa il proprio materiale di lavoro.  Eppure, se ci si pensa, la cosa non avviene per i lavoratori adulti, che trovano normalmente i propri strumenti del mestiere sul posto di lavoro.

Questo rimanda al pensiero di un posto in cui si è di passaggio, quasi in visita, per affrontare il quale, è necessario possedere un bagaglio a mano pesante, munito di molti attrezzi che consentono di fronteggiare prove, controlli, ostacoli. La sua pesantezza, in effetti, è data per lo più dall’enorme quantità di carta (bianca o stampata) che esso trasporta e che ben rappresenta l’immagine di una scuola formalistica, libresca, nozionistica[1].

unnamed

Quindi, l’associazione Artena è casa mea, non soltanto desidera porre in essere armadietti che liberino i bambini e i ragazzi dalla difficoltà del trasporto, ma vede la scuola proiettata nel futuro, che non sia più scuola tradizionale ma comunità dove s’impara attraverso le esperienze comuni fra docenti e ragazzi, magari senza il libro di testo.

Vi ricordiamo l’IBAN su cui eventualmente donare un contributo IT 80 V 08327 38220 00000000 1762 e il CF per la donazione del 5xmille: 95043850585.

Inoltre incoraggiamo tutti ad iscriversi all’associazione che persegue questo progetto ma che è già attiva in altri interventi.

[1] https://www.scuolasenzazaino.org/storia/

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
search previous next tag category expand menu location phone mail time cart zoom edit close