Storia delle famiglie di Artena. BUCCI

DOPO I COCULO, IN QUESTO SECONDO APPUNTAMENTO TRATTEGGIO BREVEMENTE L’ORIGINE DELLA FAMIGLIA BUCCI. ANCHE QUESTA CASATA E MOLTO PRESENTE IN ARTENA E FIN DA TEMPI REMOTISSIMI

A09C7D6A-73B3-42D3-A308-3DB08B847391

CASATA BUCCI

Sono cinquantotto le famiglie Bucci che vivono ad Artena attualmente. E’ un casato tra i più presenti nella nostra città (il sesto per la precisione), e che ha dato origine ad altre tre diverse discendenze.

Il più antico Bucci è Nicola detto Cola, che si trova già negli atti del notaio Don Antonio Cocchi, detto Coccino, nel 1483. In uno degli atti di donazione che Prospero Conti, signore di Montefortino fa a Stefano di Antonio Giorgi, viene indicato quale testimone Cola Bucci. Lo strumento è del 2 maggio 1483 e quindi il detto Nicola Cola Bucci è presente già precedentemente a quella data, a significare che la famiglia Bucci risiede in Montefortino/Artena da tempi remotissimi.

Da Nicola, nacquero Francesco, Bonanno e Luca.

Da Bonanno Bucci, che risulta essere presente in Montefortino ancora nel 1537, arrivano le nuove casate. Si tratta dei Bonanni, dei Serafini e dei Pomponi, ma di queste famiglie parleremo in altra occasione.

Dal primo figlio di Nicola Bucci, e cioè Francesco, nacque Sempronio, ed è lui ritenuto il vero progenitore della casata Bucci, che si è allargata in Montefortino/Artena e fuori da questo territorio, anche perchè il ramo di Luca Bucci, terzo figlio di Nicola, terminò ben resto la linea della dinastia. Da lui nacquero Pompeo e Vincenzo. Quest’ultimo si fece prete e diventò canonico della chiesa di Santa Maria l’11 gennaio 1552. Morì nel 1617. Pompeo ebbe un solo figlio, Fabio che morì giovane senza lasciare prole.

A perpetuare i Bucci di Montefortino/Artena rimase, quindi, il solo Sempronio. Questi ebbe due figli: Mercurio e Olimpio.

Da Mercurio Bucci nacquero Angelo, Carlo, Francesco detto Mancino, Vincenzo detto Naponzolo, Giordano detto Tizzone e Giovanni Battista detto Ciafrocca. Nel ramo di Angelo, il primo figlio di Mercurio, compare nel 1662 un altro Angelo, che entrò in convento nel 1681 seguendo la riforma di San Francesco col nome di padre Girolamo, che fu grande filosofo e teologo, e che scrisse varie e importanti opere e tra queste la Summa Teologica di Giovanni Scoto, opera dedicata al Re Filippo di Spagna.

Olimpio, il secondo figlio di Sempronio, fratello minore di Mercurio, lasciò cinque figli: Giuseppe detto Scatrafosso, Prospero, Girolamo detto Gramiccia, Giovanni Giacomo detto Capobianco. Del quinto figlio, che morì giovane e senza figli, non ho trovato traccia.

2 pensieri riguardo “Storia delle famiglie di Artena. BUCCI

  1. Luciano priori 15 marzo 2020 — 22:36

    Allora Barnaba bucci chi era?

    "Mi piace"

    1. Probabilmente un discendente del primissimo Bucci, e non il capostipite

      "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
search previous next tag category expand menu location phone mail time cart zoom edit close