Colletta alimentare per i poveri di Artena

LA GIORNATA DI SABATO SCORSO ERA DEDICATA ALLA COLLETTA ALIMENTARE. ANCHE LA CARITAS E IL LIVE ARTENA SUL CAMPO PER RACCOGLIERE CIBO E DONARLO AI BISOGNOSI DI ARTENA. 

Povertà alimentare (2)

Da questo blog più volte abbiamo scritto dei duraturi problemi che rendono la nostra città traballante, che annaspa, che tende ad affogare. Problemi che non sono quelli che spesso vengono segnalati sulle pagine dei social, o almeno non sono solo quelli, ma quelli che investono Artena (ma anche gli altri Centri) sono di un carattere sociale ben più invadente e invasivo.

Spesso abbiamo posto l’accento sugli inestetismi della nostra Città, che, come quelli delle persone, sono tenuti nascosti. Eppure ci sono! C’è la droga, c’è la prostituzione minorile, c’è il bullismo, e – soprattutto – c’è la povertà.

Ed è presente anche la rassegnazione, quel sentimento cioè, che è delle persone deboli, di quelle che hanno smesso gli abiti della determinazione e che dopo aver lottato a lungo contro i mulini a vento, hanno posto sul piatto la loro rinuncia.

La verità è che quelle persone si sono arrese, e hanno iniziato il percorso inverso, quello della chiusura a tutto e a tutti.

Gli odiatori, occasionali e seriali, sono quelli che prima di ogni odio, si sono sentiti invasi dalla rassegnazione, da quel senso d’impotenza di fronte agli eventi.

La chiusura ha generato prima la rabbia, poi l’odio e per ultimo il menefreghismo verso tutti e tutto quello che ci circonda.

Ho già sentito, ad esempio, critiche feroci all’Albero di Natale posto sulla montagna di Artena, perché – dicono – ha le lampadine fulminate e sembra lo spelacchio dello scorso anno a Roma. Non comprendono i meschini che prima di proferir parola, sarebbe necessario informarsi, sapere, capire, comprendere ogni motivo di certe scelte o di certe situazioni. Possibile che nessuno degli sciagurati ha pensato, al contrario, alla straordinaria fatica che gli organizzatori dell’associazione Una stella per Artena o i soci della Protezione Civile fanno per mantenere in atto quest’iniziativa e per porla in atto?

Il discorso che volevo fare, però, è un altro, ed è racchiuso nella sfera più intima delle case degli artenesi. Di molte case!

Sotto Natale mi preme rilevare più di ogni altra situazione, l’assoluta povertà che regna in alcune famiglie.

Don Daniele, che ora non è più ad Artena ma trasferito a Segni, aveva più volte raccontato nelle sue omelie, della difficoltà di molte famiglie artenesi che vivono ben sotto la soglia di povertà. Era un discorso, che a parte qualche rara eccezione, non era piaciuto ai più, perché, come dicevo, l’inestetismo va nascosto. Eppure esiste, anche se ci metti tutto il trucco possibile, a volte si vede ugualmente, e in certe occasioni serve il chirurgo.

In realtà, vessilifero di ogni possibile prevenzione, penso che prima di usare i ferri, sarebbe necessario di trovare una cura adatta, e una volta trovata e magari estirpato il male, curarla nel tempo con la profilassi.

Oggi ad Artena questo non esiste e quindi appare opportuno e coerente parlare di questo fenomeno sociale che ha coinvolto ormai anche le Nazioni più ricche.

Povertà alimentare (1)

Don Cristian, il vice parroco di Santo Stefano, ha segnalato oltre settanta famiglie che vivono di sotto la soglia di povertà (ma sono moltissime quelle che arrivano con difficoltà alla fine del mese). Il sacerdote di concerto al gruppo Caritas di Artena e ai ragazzi organizzatori del Live Artena, unici a rispondere al grido di aiuto del prete, ha allestito una raccolta cibo durante la giornata della colletta alimentare di sabato 30 novembre scorso, presso il supermercato Carrefour di Artena, che ha accettato di aderire all’iniziativa, permettendo ai volontari di stazionare all’interno dell’esercizio commerciale.

Colletta-alimentare-banco-alimentare-2-2-685x445

La colletta alimentare in Italia nutre un milione e mezzo di persone, ad Artena sono oltre trecento che hanno avuto un aiuto dopo il Black Friday (del giorno prima) dedicato allo shopping più sfrenato, più senza senso, più contro natura in questi tempi tristi e affamati.

Allora bravo a Don Cristian, alla Caritas di Artena e a quei ragazzi, che oltre a pensare al Live Artena e cioè al gioco, al divertimento allo spettacolo, sanno pensare e agire affrontando un problema sociale di così vasta portata, cui alla fine bisogna rivolgere gli occhi e guardarlo in faccia. Tutti però!

Un pensiero riguardo “Colletta alimentare per i poveri di Artena

  1. Amedeo candela 4 dicembre 2019 — 20:02

    Ottima iniziativa!!!

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
search previous next tag category expand menu location phone mail time cart zoom edit close